PASSI TRATTI DAL SANTO ROSARIO

 

Preghiera

Misteri Gaudiosi

Misteri Dolorosi

Misteri Gloriosi

Inno d'amore alla Vergine Maria

Atto di Consacrazione al cuore Immacolato di Maria

A Maria il nostro cuore stamattina

 

 

 

Preghiera

        Vergine Maria che in questo momento sei al nostro ascolto, noi Ti imploriamo di fare tuoi i nostri pensieri e il nostro cuore affinché in quest'ora in cui noi siamo con Te Tu possa essere la Mamma nostra pronta a ricevere il nostro amore perché Tu possa darlo al tuo Figliuolo diletto. E così sia.

 

                                                                       Misteri Gaudiosi            

Nel 1° Mistero Gaudioso

 

        .... si contempla come la Vergine Maria fu avvisata, dall’Arcangelo Gabriele, che doveva avere un figlio al quale doveva imporre il nome di Gesù.

        Maria restò sorpresa a tale annunzio, pur avendo nel cuore la pace che il Signore le aveva elargito. Ma la sua obbedienza fu grande quando il Signore le annunziò che tutto sarebbe accaduto per virtù della sua divina Persona. Maria, nell'accettare tutto questo, comprese che la sua vita era allora nelle mani di Dio, al Quale doveva obbedienza ed amore infinito.

        Questo chinare il capo della Vergine di fronte al mistero del suo concepimento ci fa meditare come la creatura che vive nella dimensione voluta da Dio non si pone mai problemi né alimenta dubbi che la fanno tentennare nell'obbedienza totale al suo Signore.

        È questo l'esempio che il Signore ci permette di meditare nel primo Mistero, perché è da questo totale abbandono della fanciulla Maria al Signore che parte il proseguimento di quanto, attraverso le varie tappe del Rosario, ci fa conoscere la grandezza di questa Creatura alla quale il Figlio, un giorno, ci affida con tutto il suo amore.

 

Nel 2° Mistero Gaudioso                 

                                                                                     

        .... si contempla come la Vergine Maria si reca da Elisabetta per comunicarle il lieto evento. Ma la sua volontà è già con quella di Dio Onnipotente, nelle mani del Quale Lei ha affidato la sua vita.

        Questa visita, voluta dal Signore, è per la Vergine motivo di obbedienza alla sua volontà, perché questa potesse manifestarsi attraverso Santa Elisabetta nell'incontro con la fanciulla. Questo contatto umano, quindi, è sempre voluto da Dio perché nelle due creature terrene si compisse quanto doveva dare inizio al calvario del Battista, e a quello del Figlio di Dio. Il loro palpitare nel seno materno è già sintomo di esultanza per l'uno, ed obbedienza e gioia nell'altro nell'avere il saluto terreno di una creatura di Dio.

        L'umiltà delle due donne ci deve far comprendere come chi è vicino a Dio può trasmettere solo il bene a coloro che avvicina e che, quindi, scevri da ogni male, potranno camminare sulla strada che Dio stesso ha tracciato per ogni creatura.

 

 

Nel 3° Mistero Gaudioso

 

        .... si contempla come la Vergine e Giuseppe, suo sposo, trovarono rifugio in una grotta dove la Mamma celeste diede alla luce il Redentore.

        Pace, pace agli uomini che hanno la volontà al bene, perché il Bambino nato da Maria darà al mondo il trionfo della vita sulla morte. Il male sarà schiacciato poiché Cristo, il Redentore, darà una nuova linfa allo spirito dell'uomo.

        La nascita di Gesù comporta, per il mondo, un'era nuova perché la creatura salvata dal Figlio di Dio camminerà nella verità del Signore.

 Nel 4° Mistero Gaudioso              

        .... si contempla come la Vergine Maria ed il suo sposo si portano al Tempio per essere purificati dopo l'avvenuto parto; ma la Mamma celeste, per volere di Dio, porta seco il Figliuoletto, perché nel Tempio si compisse quanto era stato scritto su di Lui.

        L'obbedienza di Maria al Signore Iddio, quindi, anche in questo Mistero è grande perché la Vergine ha solo il desiderio di compiacere ed essere la serva fedele del suo Signore.

        Qui si deve meditare come la creatura che si ritiene figlia di Dio non può vivere, né comportarsi diversamente con il suo Dio, il Quale accresce, con la sua misericordia, i disegni divini. Ma la visita al Tempio è anche una testimonianza di fede e di abbandono nel Signore, il Quale è l'Artefice della nostra esistenza, e abbandonarsi alla sua volontà significa camminare nella sua verità, mentre la creatura di oggi, esula da ogni azione che, davanti a Dio e al prossimo, la induce ad agire come una creatura generosa, amorosa, altruista e, soprattutto, timorosa di sbagliare davanti a Dio, supremo Artefice di quanto avviene sulla terra e nel cielo.

 

Nel 5° Mistero Gaudioso

 

        .... si contempla come la Madre Maria e il suo sposo smarriscono il Figliuolo Gesù. Essi non sanno che il Bambino ha dato inizio al suo Vangelo sulla terra, nel nome del Padre.

        L'affanno e l'ansia di Maria non le fanno ricordare che questo Figlio non era una creatura terrena, ma il Figlio di Dio, per il Quale Egli avrebbe vissuto, secondo quanto era stato segnato dal Padre suo. Ma l'ansia della Madre trova sosta solo quando Lo ritrovano nel Tempio, portati da una voce interiore, dopo la corsa affannosa di giorni alla sua ricerca.

        Questo è un segno ancora di obbedienza, questo è un segno del Signore per  la creatura che fa la sua volontà, perché si possa camminare come piace a Dio Onnipotente.

        Ma l'uomo di oggi, i figli di questa generazione, non conoscono l'obbedienza, non conoscono il timore né di Dio, né dei propri genitori. Gesù non si ribella alla voce accorata della Madre, ma Le ricorda che la sua è un'obbedienza al Padre Iddio, al Quale, pur stando agli ordini dei suoi genitori terreni, Egli obbedisce.

 

Misteri Dolorosi

 

Nel 1° Mistero Doloroso 

        .... si contempla come il Cristo, genuflesso davanti alla maestà del Padre, nel pregare trasuda sangue dalla sua Persona. Egli è solo, neppure i suoi discepoli si accorgono che il loro Signore è già sulla strada che Lo porterà ad offrire in Olocausto la sua vita per le creature della terra.

 

Nel 2° Mistero Doloroso

 

        .... si contempla come Gesù viene portato davanti a Pilato per essere giudicato.

        Tutto questo avviene senza l'entusiasmo di Pilato, il quale è turbato nel vedere Gesù tra i soldati. Ma la sua autorità non può vacillare davanti al popolo, per cui, pur sentendo l'uomo vittima di un odio per lui sconosciuto, non perde tempo nel punire ed affidare ai carnefici la Persona del Figlio di Dio.

 

Nel 3° Mistero Doloroso

 

        .... viene contemplato come il Cristo, nostro Signore, viene condannato a portare la corona di spine, segno di disprezzo che l'uomo della terra Gli ha imposto, ma il significato di questo gesto è l’annullamento che l'uomo senza la voce di Dio infligge a questa Creatura, e Gesù subisce senza reagire a tanto abominevole azione.

        Gesù dalla creatura terrena subisce per questa creatura, alla quale offre la sua vita per salvarla in eterno, al cospetto del Padre suo.

Nel 4° Mistero Doloroso 

        .... il Divino Figlio di Dio viene condannato a morte, ed è questo il culmine del peccato che l'umanità commette con questo gesto. Ma la misericordia di Dio continua verso la Creatura del Signore perché tutto avesse il corso per quanto prevedevano i disegni di Dio.

        Dio Onnipotente non può che dare il via al proseguimento di quanto sarà la volontà sua perché questo suo Figlio diletto fosse offerto al mondo come gesto d'amore del suo cuore. Ma nulla di tutto questo è stato, allora ed ora, compreso, perché la creatura della terra non ricorda mai quanta sofferenza ha procurato al Figlio di Dio questo comportamento lontano dalla voce del Signore del cosmo, per il Quale ogni essere che vive è tenuto a chinare il suo capo nella sofferenza e nella gioia.

        Nessuna creatura che è tra voi presenti ha mai pensato nel modo in cui merita di essere ricordato, amato e servito il Figlio di Dio; nessuno di voi presenti ha seguito questo itinerario cambiando nel cuore.

 

 

Nel 5° Mistero Doloroso 

        .... si contempla come il Figlio di Dio viene condannato e steso sulla croce. Quanto è avvenuto nella vita del Figlio di Dio si compie con questo ultimo atto: Gesù, il Figlio di Dio, fatto uomo, chiude la sua giovane esistenza, perché tutto si è compiuto secondo il volere del Padre, per questo genere umano così ingrato e lontano dalla voce del Signore.

        Tutto si compie sulla croce con il fare, l'uomo Dio, il volere del divino Genitore. Gesù non ha rimpianti, ma esala l'ultimo suo respiro in simbiosi con la volontà del Padre, al Quale dimostra obbedienza e amore, per queste creature che mercé il suo intervento si sarebbero salvate.

 

Misteri Gloriosi

 

Nel 1° Mistero Glorioso 

        .... Gesù dopo tre giorni, deposto nel sepolcro dai suoi discepoli, si libera da ogni legame terreno e ritorna ad essere il Figlio di Dio. Ma tutto deve procedere come è scritto dalla volontà del Signore, per cui Gesù, pur essendo solo spirito all'occhio delle creature terrene, è invece ancora con il suo corpo che si trasforma allorquando deve seguire quanto su di Lui il Signore Iddio ha segnato.

        Per questo la scomparsa del corpo di Gesù crea panico tra i discepoli, e tutto è fermento nel cuore dell'uomo di allora, ma non di questa generazione, perché l'uomo di oggi non cerca il Signore, non vive ore di ansia quando non può riceverLo nel cuore. La creatura di oggi si adagia facilmente e si allontana da Dio, quando per lei costa cercarlo.

        La volontà del Signore, in questo Mistero che voi creature terrene minimizzate con il dire " il Signore è risorto", è un segreto che sarà svelato alla creatura soltanto qualche tempo dopo perché il Signore Gesù, pur essendo accanto ai suoi discepoli, non fa che osservare e misurare la densità dell'amore delle sue creature, dal modo in cui è invocato e cercato.

 

Nel 2° Mistero Glorioso

 

        .... si contempla come la figura divina del Figlio di Dio sale al cielo e, quindi, si contempla il ritorno al Padre della Creatura divina che, per amore dell'umanità tutta, aveva sofferto ed amato come una creatura della terra.

        Questa, quindi, è l'apoteosi della gloria del Signore davanti alla creatura terrena.

        Tutti quelli che erano con Gesù poterono ammirare la grandezza del Figlio di Dio con gli occhi dell' uomo, e, quindi, Gesù si allontana nella luce del creato per ritornare ancora tra voi, Creatura presente ed amorosa, per salvare questa umanità che non ha mai usato un pensiero d'amore per quanto ha ricevuto.

Nel 3° Mistero Glorioso               

        .... si contempla come il Signore Gesù, seduto alla destra del Padre, opera sulle sue creature terrene con la discesa dello Spirito Santo.

        Questa fiamma, che è la sapienza e l'amore del Signore, inonda il cuore e la mente della Madre e delle sue creature mentre erano raccolte in preghiera nel Tempio. La discesa dello Spirito Santo serve ai suoi discepoli per operare nel suo nome con le altre creature, alla Madre come segno di sovranità sulla terra e poi nel cielo.

        Chi di voi non ha capito questo mistero dell'avvento dello Spirito di Dio nella mente e nel cuore delle creature terrene, non potrà mai comprendere la grandezza, la potenza di Dio in questo suo atto d'amore e di misericordia.

        La creatura che viene investita, o possiede questo carisma divino, vive nella verità del Signore fin dal momento in cui Lo possiede, ed ecco che questo Spirito, quando è invocato dagli uomini della terra, solleva ed innalza la creatura davanti a Dio per quanto compie con l'ausilio di questo miracolo divino.

        Nulla resiste a questa invocazione, nulla avanza nella servitù del male se questo Spirito Santo è con noi, nelle nostre azioni. Lo Spirito Santo è il custode della nostra volontà, è l'Artefice del bene, è quanto di più grande Dio può elargire, quando Lo si invoca.

 

Nel 4° Mistero Glorioso

 

        .... si contempla come la Vergine, la Mamma dolcissima del Figlio di Dio, viene rapita in anima e corpo da una schiera di Creature celesti e portata accanto al suo Figliuolo.

        È la gloria assoluta, grandissima che Dio ha concesso a questa creatura della terra per coronarLa, un giorno, Regina del cielo e Mamma di tutte le creature terrene.

        Ma l'uomo della generazione di oggi si avvicina a questo nome, che racchiude tutta la misericordia del Signore, soltanto per ottenere, richiedere in alcune circostanze favori, e mai per esprimere un grazie da innalzare al cuore del Figlio e della Madre che si affanna, come tutte le mamme, per aiutare il suo Figliuolo con i suoi interventi e i suoi segni divini.

        Lo scetticismo persiste e dura in molti cuori che non hanno la voce di Dio, mentre sarebbe tanto bello abbandonarsi alla volontà del suo divino Figlio ed essere guidati dalla sua Mamma lungo questo cammino così doloroso e sofferente, che è la vita della creatura odierna.

Nel 5° Mistero Glorioso    

        .... si contempla come la Vergine Maria sia elevata dal Signore Iddio come Regina del cielo.

        La Madre del Figlio di Dio corona, così, la sua ascesa al cielo, diventando la Sovrana del cielo e la Madre di tutte le creature terrene, il personaggio più importante dopo le due divinità: quella che domina il cosmo e il suo Figliuolo, divenuto creatura terrena per l'amore dell'umanità tutta.

        La Vergine rappresenta il tramite per il quale si giunge al cuore del Figlio e poi del Padre. La Vergine resta, nella sua umiltà, la creatura da invocare per essere nella sua dimensione ed avvicinarsi a Dio Onnipotente; la Vergine Maria è la Creatura attraverso la Quale si giunge senza smarrirsi al cuore del Signore.

 

 

Inno d'amore alla Vergine Maria 

 

Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te, e noi figli tuoi siamo ai tuoi piedi per chiedere:

        Abbi pietà di noi.

Ave Maria, Madre nostra, con Te siamo per chiedere a Dio misericordia:

        Abbi pietà di noi.

Ave Maria, Madre di tutti noi, intercedi per la nostra vita:

        Abbi pietà di noi.

O Maria, a Dio Padre, al Figlio Gesù, e allo Spirito Santo chiediamo perdono per le nostre colpe:

        Abbi pietà di noi.

O Maria, Santa tra i Santi:

        Prega per noi.

O Maria, Madre del Cristo Gesù:

        Prega per noi.

O Maria, Vergine ed Immacolata:

        Prega per noi.

O Maria, Madre nostra:

        Prega per noi.

O Maria, tutrice di tutti noi:

        Prega per noi.

O Maria, Angelo e sostegno dei giovani:

        Prega per noi.

O Maria, Mamma e custode dei nostri figli:

        Prega per noi.

O Maria, riporta la gioventù smarrita al cuore del tuo Figliuolo:

        Prega per noi.

O Maria, posa i tuoi occhi materni su questa umanità derelitta:

        Prega per noi.

O Maria, Mamma di noi tutti peccatori:

        Prega per noi.

O Maria, partecipe della nostra sofferenza e delle nostre pene:

        Prega per noi.

O Maria, che fai tue le nostre lacrime:

        Prega per noi.

O Maria, che custodisci il nostro dolore:

        Prega per noi.

O Maria, che sei con noi nelle avversità:

        Prega per noi.

O Maria, che invocata rispondi sempre con il tuo amore:

        Prega per noi.

O Maria, che innalziamo a custode della nostra famiglia:

        Prega per noi.

O Maria, che tendi a noi l'aiuto che Ti chiediamo:

        Prega per noi.

O Maria, nome dolcissimo che invocato ci da sostegno:

        Prega per noi.

O Maria, arginatrice del male:

        Prega per noi.

O Maria, portaci al cuore del tuo Figliuolo:

        Prega per noi.

O Maria, benefattrice dell'umanità:

        Prega per noi.

O Maria, Madre universale dell'umanità:

        Prega per noi.

O Maria, fonte di gioia e di consolazione:

        Prega per noi.

O Maria, luce nelle tenebre:

        Prega per noi.

O Maria, dispensatrice della misericordia di Dio:

        Prega per noi.

O Maria, sorgente di luce per avvicinarci a Dio:

        Prega per noi.

O Maria, letizia per i nostri cuori che a Te offriamo in questo momento:

        Prega per noi.

O Maria, elargitrice di grazie:

        Prega per noi.

O Maria, che sostieni ed assisti i moribondi:

        Prega per noi.

O Maria, che la tua pace scenda sempre in noi:

        Prega per noi.

O Maria, Ti chiediamo la pace per tutte le famiglie e per il mondo intero:

        Prega per noi.

O Maria, fa' che tutti noi, figli tuoi, siamo con Dio oggi e sempre. Amen.

 

 

 

Atto di Consacrazione al cuore Immacolato di Maria

 

        "A Te, o Maria, Mamma di tutti noi, noi in questo momento offriamo il nostro cuore, la nostra mente e la nostra volontà, perché Tu possa guidare i nostri passi sulla strada che ci porterà al cuore del tuo Figliuolo.

        A Te consacriamo la nostra volontà perché questa, guidata dalla tua materna voce, ascolti la parola del tuo Figliuolo, affinché, come per Te, sia la nostra volontà all'obbedienza e alla devozione che offriamo a Te, perché Tu possa darla nelle mani del tuo Figliuolo.

        Vergine Maria, a Te ogni impulso del nostro cuore, perché si possa vivere come piace alla nostra Mamma. Oggi e sempre che lo ordinerai, noi saremo ai tuoi piedi per servire Te e il sommo Iddio, presso il Quale Tu sei peroratrice di bene e di amore per tutti noi, tuoi figli". Amen.

 

 

A Maria il nostro cuore stamattina! 

 

Vergine pura, Vergine bella

Vergin devota al Padre Iddio,

Sii con noi ogni mattino,

Perché il tuo cuore ci guidi.

        Viva Maria, viva Maria,

        La Madre nostra

        E la Madre di Dio.

Sii con noi Vergin Maria

Quando iniziamo il nostro cammino,

Sii con noi quando viviamo,

Sii con noi quando parliamo.

        Viva Maria, viva Maria,

        La Madre nostra

        E la Madre di Dio.

Sia con noi il tuo Figliuolo

Affinché la nostra mente

E il nostro cuore sian con Te

E con il tuo Figliuolo.

        Viva Maria, viva Maria,             

      La Madre nostra

       E la Madre di Dio.

Dio grande, Dio potente

Dio del cielo e della terra,

Sia con noi in ogni momento

Perché tutto proceda con la sua mente.

        Viva Maria, viva Maria,

        La Madre nostra

        E la Madre di Dio.

L'animo nostro e il cuore di tutti

Sian con te Vergine bella

Perché tu sia per noi la guida

Per arrivar sereni al porto di Dio.

        Viva Maria, viva Maria,

        La Madre nostra

        E la Madre di Dio.

Che vegli su noi

E sul nostro cammino.

 

 

 

 

Torna alla home